ASSEMBLEA ANNUALE 2017 E RELAZIONE ATTIVITA' 2016

VERBALE ASSEBLEA ORDINARIA ASSOCIAZIONE LIFELINE DOLOMITES ONLUS

Il giorno sette del mese di maggio 2017, con inizio ore 11, presso la Baita di Lino Detomas in località Val S. Nicolò, in seconda convocazione, ha luogo l’assemblea ordinaria dei Soci dell’associazione Lifeline Dolomites onlus per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno:

  1. Relazione attività 2016
  2. Approvazione bilancio consuntivo 2016
  3. Programma attività 2017
  4. Proposta modifica art. 11 – 1° comma dello Statuto Sociale – per la nomina di altri due consiglieri.
  5. Nomina consigliere delegato ai servizi sanitari e nomina consigliere delegato attività informatiche
  6. Varie ed eventuali

E’ presente anche il Presidente onorario dr. Carlo Spagnolli.


Il presidente Claudio Merighi, constatata la presenza di 29 soci su 43, pari a oltre i due terzi necessari per deliberare i punti 4 e 5  all’ordine del giorno, dichiara valida l’assemblea, chiama a fungere da segretaria la sig.ra Sara Merighi e passa ad esaminare i vari punti all’ordine del giorno:

1.    Relazione attività 2016

Il Presidente illustra nel dettaglio l’attività svolta nel 2016 che viene allegata, come parte integrante, al presente verbale e che viene approvata all’unanimità.

2.    Approvazione bilancio consuntivo 2016

Il Presidente da lettura del bilancio consuntivo 2016 che presenta un avanzo di cassa di € 57.294,48.Tale avanzo è dovuto all’anticipazione ricevuta dalla Provincia Autonoma di Trento sul progetto polispecialistico di formazione e attività clinica in Zimbabwe per un impegno  di spesa non ancora effettuato pari a € 55.000,00 e pertanto il reale avanzo di cassa risulta di € 2.294,48.- Il Presidente dopo dettagliata relazione sulle varie voci che compongono il bilancio passa alla votazione del bilancio stesso che viene approvata all’unanimità dai presenti.

3.    Programma attività 2017

Il Presidente illustra l’attività relativa all’anno 2017, essenzialmente prevista dal progetto polispecialistico, relazione che dopo lettura ed approvazione all’unanimità viene allegata al presente verbale quale parte integrante.

4.    Proposta modifica art. 11 – 1° comma dello Statuto Sociale – per la nomina di altri due consiglieri.

Il Presidente comunica che, al fine di aumentare da 5 a 7 i componenti del consiglio direttivo, in base all’art. 11 – comma 1  dello statuto è necessaria una specifica delibera. Il Presidente propone quindi di deliberare l’aumento dei consiglieri da 5 a 7 al fine di poter avere nell’ambito del consiglio direttivo un consigliere delegato alle attività sanitarie e un consigliere delegato ai servizi informatici. L’assemblea, dopo le motivazione esposte dal Presidente, delibera all’unanimità l’aumento da 5 a 7 dei consiglieri in seno al consiglio direttivo.

5.    Nomina consigliere delegato ai servizi sanitari e nomina consigliere delegato attività informatiche

Il Presidente comunica che nell’ambito del consiglio direttivo è estremamente importante avere un medico quale responsabile delegato alle attività sanitarie che possa rappresentare e dare modo all’associazione di partecipare a convegni, riunioni a carattere sanitario e presentare delle domande di finanziamento su specifiche iniziative dell’ordine dei medici e odontoiatri. A tal fine il Presidente, vista la disponibilità del socio e volontario dr. Dario Visconti, già primario radiologo nonché direttore sanitario dell’Ospedale di Cavalese, propone di nominare nuovo consigliere delegato alle attività sanitarie il dr. Dario Visconti.

Il Presidente, vista l’importanza di avere in seno al consiglio direttivo un consigliere delegato ai servizi di informatica, vista la disponibilità del socio e volontario David Pirone, che già si occupa del sito internet e di tutte le problematiche relative, propone di nominare il sig. David Pirone quale nuovo consigliere delegato ai servizi informatici.

L’assemblea, all’unanimità, delibera  di nominare quale consigliere delegato alle attività sanitarie il Dr. Dario Visconti e il sig. David Pirone quale consigliere delegato ai servizi informatici.

Il presidente e tutti soci presenti ringraziano calorosamente i due nuovi consiglieri per la loro disponibilità e collaborazione.

Esauriti gli argomenti all’ordine del giorno interviene il Presidente Onorario dr. Carlo Spagnolli ringraziando l’associazione per il grande aiuto e sostegno ormai quasi ventennale ed illustra nel dettaglio la sua lunga esperienza in terra africana  ed in particolare la precaria situazione in cui si trova lo Zimbabwe sottolineando l’importanza dell’attività dell’associazione e l’impegno costante di tutti i volontari.

Non essendoci altri argomenti all’ordine del giorno, l’assemblea alle ore 12.30 ha termine.

Il Presidente

Claudio Merighi  

La Segretaria

Sara Merighi

Pozza di Fassa, 7.5.2017

 

Relazione attività 2016

Cari Volontari e Soci di Lifeline Dolomites,

prima di iniziare la relazione sull’attività svolta nel 2016 desidero porgere al dr. Carlo Spagnolli il più cordiale ed affettuoso saluto di benvenuto e ringraziare di cuore voi e tutti gli altri volontari coinvolti nelle varie attività per la collaborazione e la disponibilità offerta a vario titolo nei molteplici momenti importanti della vita dell’Associazione. Mi fa piacere sottolineare che i risultati raggiunti sono frutto di un proficuo e positivo lavoro di squadra e di un costante rapporto di fiducia e stima fra persone, associazioni ed Enti che condividono gli stessi ideali e che formano una rete solidale straordinaria. Ci sarebbe molto da dire sulla nostra attività ma desidero brevemente riassumere in otto punti  le cose principali effettuate durante il 2016:

  1. Raccolta aiuti umanitari, attrezzature e materiale tecnico e sanitario con la collaborazione del dr. Dario Visconti, di Renato Buccella e dei tecnici della APSS di Trento ing. Giorgio Camin e Marco Volani – donazione da parte della APSS generatore di corrente da 500 kw
  2. Preparazione da parte dell’inf. Alberta Spagnolli di tutto il materiale didattico in inglese relativo alle attività sanitarie che svolgerà in Zimbabwe nel 2017
  3. Spedizione container il 11.5.2016 con la collaborazione di tutti i nostri Volontari
  4. Festa in onore del Dr. Carlo Spagnolli il 21 agosto 2016
  5. Raccolta fondi in occasione di eventi al Teatro Tenda da parte di Daria
  6. Organizzazione di due Musical con l’Ass. Des Etoiles  da parte di Pierluigi Tava.
  7. Partecipazione all’Aisciuda ladina
  8. Progetto falegnameria al Centro G. Spagnolli di Harare da parte del volontario  Walter Delle Cave.
  9. Attuazione attività specifica relativa al progetto polispecialistico di formazione e attività clinica in Zimbabwe con la collaborazione di tutto il personale volontario che verrà di seguito  menzionato  nelle tre missioni 2016:

1^ Missione

Al fine di provvedere allo sdoganamento del container, al pagamento delle relative spese  e al successivo lavoro  di smistamento, il 26 giugno 2016  lo scrivente, non potendo avere la collaborazione del dr. Carlo Spagnolli impossibilitato per malattia, si è recato in Zimbabwe assieme al Volontario Walter delle Cave, trovando ospitalità con vitto e alloggio presso le Suore Sola di Chinhoyi; infatti dopo l’arrivo del container nel magazzino di Chinhoyi si è resa necessaria la preparazione delle attrezzature e del materiale sanitario da  consegnare ai quattro centri VIAC (che curano le donne affette da tumore al collo uterino), la minuziosa selezione ed il controllo dei farmaci e la consegna del materiale e attrezzature per la laparoscopia presso l’Ospedale Prov.le di Chinhoyi.

Nella settimana dal 11 al 16 luglio assieme al Volontario Walter Delle Cave e al dr. Wenceslas Nyamayaro si è provveduto alla consegna del materiale sanitario e delle attrezzature per la diagnosi e terapia precoce del carcinoma del collo uterino ai 4 Centri sanitari presso gli Ospedali di Kutama, Mhondoro, Mangura e Sanyati.

Terminata la prima missione lo scrivente è rientrato in Italia il 19 luglio 2016, mentre il Volontario Walter Delle Cave è rimasto presso il Centro Giovanni Spagnolli di Harare per proseguire in qualità di formatore l’attività del progetto di falegnameria.

2^ missione

Al fine di programmare nel dettaglio tutte le complesse attività previste dal progetto lo scrivente assieme al dr. Dario Visconti, già responsabile del progetto di avvio di diagnostica per immagini, si è nuovamente recato in Zimbabwe dal 26 agosto al 4 settembre 2016.

La presenza del dr. Dario Visconti, in assenza del dr. Carlo Spagnolli per malattia, è stata determinante non solo per siglare gli accordi e le collaborazioni con il direttore dell’Ospedale Prov.le di Chinhoyi dr. Collet Mawire e col personale tecnico locale ma anche per trovare la soluzione assieme al dr. Wenceslas Nyamayaro, medico provinciale, circa le altre problematiche tecniche ed economiche  non di pertinenza diretta dell’ospedale.

3^ Missione

Dal 26 novembre al 3 dicembre 2016, si sono svolte presso l’ospedale di Chinhoyi le varie attività prettamente sanitarie previste dal progetto:

A.    Il dr. Carlo Spagnolli per coordinare tutte le attività sanitarie e organizzare gli    incontri con le autorità locali oltre alla verifica del sottoprogetto riguardante la diagnosi e terapia precoce del carcinoma uterino, seguita in assenza del dr. Spagnolli, da parte del dr. Wenceslas Nyamayaro.

B.     Il dr. Roberto Bonmassari assieme all’infermiera Roberta Iori per l’attività clinica e di formazione cardiologica.

C.     Il dr. Giuseppe Tirone, assieme alle infermiere Cristina Valentini, Luisa Dallasega e al tecnico della Ditta Storz Alessio Beozzo, per iniziare l’attività di diagnostica e terapia chirurgica con tecniche laparoscopiche con formazione del personale locale.

Durante la permanenza in Zimbabwe abbiamo avuto anche alcuni incontri con le autorità locali, le quali hanno manifestato la loro gratitudine alla  Provincia Autonoma di Trento per il significativo sostegno economico al progetto, elogiando tutto il personale medico, paramedico e tecnico per la grande disponibilità. Un particolare ringraziamento è stato rivolto al dr. Carlo Spagnolli, da anni impegnato a favore dei malati dello Zimbabwe.

Per concludere, interpretando il pensiero di tutti i Soci e Volontari  , desideriamo ringraziare il dr. Carlo Spagnolli per averci insegnato, col suo esempio, la strada della solidarietà e di averci dato la possibilità di impegnarci a favore dei più deboli e delle perone meno fortunate di noi.

Il Presidente

Claudio Merighi

 

Programma attività 2017

Tutte le attività dell’associazione, direttamente o indirettamente,  sono rivolte essenzialmente al sostegno del progetto polispecialistico di formazione e attività clinica in Zimbabwe.

Dal punto di vista del sostegno economico, oltre naturalmente al determinante  contributo della PAT, dobbiamo essere grati all’Associazione des Etoiles e al grande impegno  di Pierluigi Tava, che ormai da anni ci sono vicini e anche per l’anno in corso hanno programmato  4 Musical: il primo il 18 febbraio 2017 presso il Teatro Santa Chiara di Trento, il secondo al Teatro di Tesero il 18 marzo, quindi già realizzati e gli altri due nel palatenda di Pozza di Fassa il 29 luglio ed il 19 agosto. Un ulteriore evento, con scopo benefico a favore della nostra associazione, è previsto il 13 agosto sempre al palatenda di Pozza con il Gruppo Musicale PUNTO GEZZ che presenta lo spettacolo: Avete mai provato ad essere donne? Con la cantante Laura Novembre.

Riteniamo che anche Daria possa continuare l’attività di raccolta fondi in occasione dei concerti dei cori al Palatenda di Pozza.

Grazie alla disponibilità della maestra Anita e di Barbara, gli alunni delle scuole dell’obbligo di Predazzo hanno già  organizzato a marzo un evento teatrale a scopo benefico  per sostenere il nostro progetto.

Penso che anche con Barbara possiamo mettere in  programma qualche serata con il Coro Enrosadira e magari anche con qualche musicista di famiglia…vedremo.

Per quanto riguarda invece l’attività specifica per il 2017 relativa al progetto polispecialistico di formazione e attività clinica in Zimbabwe si sono già svolte in questi primi 4 mesi:

  1. Varie riunioni grazie alla tenacia e lungimiranza  del dr.  Visconti, con l’ing. Camin e i tecnici dell’Azienda Sanitaria Marco Volani e Sandro Pederzolli oltre a Renato Buccella al fine di programmare nel migliore dei modi tutta l’attività dal punto di vista tecnico sia per quanto riguarda l’approvvigionamento delle apparecchiature elettriche ed elettroniche che quelle  legate al programma della telemedicina.
  2. Si sono già avuti degli incontri assieme al dr. Spagnolli e Dario Visconti con l’Assessore alla Sanità Zeni, con l’Assessora Sara Ferrari e con il Direttore generale dell’Azienda Sanitaria Bordon.
  3. Nel mese di marzo è stata necessaria una verifica tecnica presso l’ospedale di Chinhoyi da parte dello scrivente assieme al Volontario Renato Buccella per chiarire alcuni aspetti essenziali sul posizionamento del generatore di corrente e relativi collegamenti. A seguito di questa verifica è stato acquistato tutto il materiale occorrente per il completamento dell’impianto elettrico,  due automatismi per i due generatori dell’ospedale e il 19 aprile è stato spedito il container con tutto il materiale. Grazie ai Volontari che hanno partecipato al miticoloso carico delle attrezzature nel container.
  4. Ai primi di giugno lo scrivente si recherà nuova nuovamente in Zimbabwe per lo sdoganamento del container  e per predisporre la  sistemazione del generatore e di tutto il materiale,  in previsione dell’arrivo dei tecnici e seguire assieme al dr. Carlo Spagnolli la parte logistica.
  5. Nel mese di maggio rientrerà in Zimbabwe anche il dr. Carlo Spagnolli per seguire le attività di progetto, organizzare l’aspetto logistico di tutti i medici, paramedici e tecnici coinvolti sia nella missione di luglio che in quella cardiologica di fine settembre. In particolare il dr.  Spagnolli seguirà il sottoprogetto sulla diagnosi e terapia precoce del Carcinoma uterino.
  6. La missione di luglio vedrà impegnati per 15 giorni i tecnici Volani, Buccella e Pederzolli per il collegamento del generatore alla radiologia con completamento delle linee elettriche e per il posizionamento delle linee ed apparecchiature per la telemedicina mentre il dr. Dario Visconti assieme al primario di radiologia dell’Ospedale di Rovereto Walter Della Sala e alla capotecnico Francesca Cattoi, seguiranno la fase di avvio della nuova TAC con formazione del personale locale. Il dr. Visconti rimarrà il Zimbabwe fino ai primi di agosto per la formazione del personale locale su tutta l’attività radiologica.
  7. Ultimo programma estivo ma non per questo meno importante riguarda l’attività sanitaria dell’infermiera Alberta Spagnolli che dal 30 giugno al 5 agosto svilupperà l’avvio del progetto formativo in tecniche di emergenza per i giovani leader dei vari villaggi e le Suore locali a Chinhoyi , di educazione sanitaria alle mamme afferenti alla stessa congregazione in Chinhoyi e in zone rurali e presso il Centro Sanitario per la salute e la formazione della donna G. Spagnolli di Harare diretto da Suor Mary Jo delle Suore della Carità.
  8. Dal 24 settembre al 2 ottobre, è prevista la prima missione cardiologica 2017 da parte del dr. Domenico Catanzariti accompagnato dal rispettivo personale infermieristico del reparto cardiologico di Rovereto.
  9. A fine novembre è prevista la seconda missione cardiologica con il dr. Roberto Bonmassari e l’inf. Roberta Iori e l’implementazione dell’attività di chirurgia laparoscopica da parte del dr. Giuseppe Tirone e relative infermiere.
  10. Per quanto riguarda il progetto della falegnameria il Volontario Walter Delle Cave sta programmando un’ulteriore fase di formazione nel mese di settembre sempre presso il Centro di Harare.

Come potete notare vi è una intensa attività che ci rende particolarmente orgogliosi. Ringrazio naturalmente tutti voi qui presenti e tutti i volontari coinvolti in questo meraviglioso progetto di solidarietà.

print

Lifeline Dolomites Onlus - Strada de la Veisc, 40 - 38036 Pozza di Fassa TN
Tel. +39 0462 764253 - Fax. +39 0462 764253 - Email: info@lifeline-dolomites.it
Copyright 2011 by LifeLine Dolomites - C.F. 02032240224