FORMAZIONE CHIRURGICA SPECIALISTICA IN ZIMBABWE


Progetto “Formazione Chirurgica Specialistica in Zimbabwe”  presso l’ospedale Luisa Guidotti di Mutoko, dove opera il dr. Carlo Spagnolli, grazie alla disponibilità del neurochirurgo trentino Michele Conti.   Tale progetto diretto, finanziato dall’Assessorato alla Solidarietà  della Provincia Autonoma di Trento   per un importo di 16.230 €, realizzato dal 11 al 16 luglio 2011,  ha avuto un grande successo non solo per aver salvato la vita a 11 piccoli bambini affetti da idrocefalo, ma ha ottenuto, con l’insegnamento e la supervisione del dr. Conti, la  specifica formazione di altrettanti medici zimbabweani che d’ora in poi potranno curare e dare speranza di vita a tanti altri bambini idrocefali.

Formazione Chirurgica Specialistica
Ospedale “Luisa Guidotti” Mutoko, Zimbabwe

Titolo: Progetto di formazione  per la patologia neurochirurgica.

Obiettivo: Formazione dei chirurghi locali con lo scopo di rendere i medici locali in grado di gestire, secondo gli standard internazionali, le patologie chirurgiche specialistiche.

Beneficiari: Bambini affetti da Idrocefalia e patologie della colonna vertebrale.

Localizzazione del progetto: Ospedale “Luisa Guidotti” Mutoko, Zimbabwe.

Durata corso: 4 giorni dal 11 al 14 luglio 2011

Contesto locale

La situazione sanitaria è drammatica, il paese è al 130° postonel mondo, con un indice elevato di mortalità materno-infantile e di bambini sottopeso alla nascita, che colpisce 81 nati su 1.000, e nella speranza di vitadi 37 anni, una tra le più basse di tutto il mondo. Secondo dati UNICEFlo Zimbabwe ha avuto la più alta crescita della mortalità infantile nel mondo, avendo fatto registrare un aumento del 50% rispetto ai primi anni novantahttp://it.wikipedia.org/wiki/Zimbabwe - cite_note-19#cite_note-19. Intorno al 2003si attestava al 61‰, adesso è all'81‰. Così la speranza di vita: era di 60 anni all'inizio del XXI secolo, col tempo è scesa a 39 e adesso è a 37 anni. Questo spaventoso calo è dovuto alla diffusione dell'AIDS, che negli ultimi tempi si è fatta massiccia: un terzo della popolazione ne è colpita, il quarto più alto tasso di diffusione del mondo. Questa malattia ha provocato più di un milione di orfani. Nel 1999 è stato redatto il documento intitolato National HIV/AIDS Policy, nel quale vengono analizzate le problematiche relative alla diffusione del virus e vengono additate delle soluzioni che si inseriscono in una strategia globale a livello nazionale. Anche la malariaè sempre più presente e il rischio di epidemie è alto, visto il peggioramento delle condizioni igieniche e sanitarie: Hararesoffre per la mancanza di acqua e le fognature della città sono in uno stato disastrosohttp://it.wikipedia.org/wiki/Zimbabwe - cite_note-21#cite_note-21. Questi due fattori favoriscono l'inquinamento idrico, la nascita di patologie epidemiche (nel 1994fu registrata anche una epidemia di peste) e il rischio di colera. Per ragioni economiche il governo ha eliminato le vaccinazioni, peggiorando ulteriormente la situazione. Ad aggravare il quadro si aggiunge la scarsità dei servizi sanitari in generale e di quelli che, se pur specialistici, non richiederebbero particolari equipaggiamenti o alta specializzazione come il trattamento della spina bifida e dell’idrocefalo. Tale servizio, disponibile solo in alcune strutture a pagamento, e’ largamente insufficiente a far fronte al bisogno di trattamento dei casi di spina bifida e di idrocefalo che si presentano di solito alla nascita o nelle prime settimane di vita, il cui trattamento relativamente semplice, consentirebbe la riduzione di una prognosi altrimenti grave altamente invalidante e addirittura fatale.

Quadro settoriale

L'Ospedale “Luisa Guidotti” creato dalla Diocesi cattolica negli anni 60, prende il nome dalla dottoressa italiana che vi prestava servizio negli anni 70 e che fu uccisa nel luglio del 1979 a sette km dall'Ospedale, dopo aver trasportato una donna incinta all'Ospedale Governativo di Mutoko e questo per motivi politici da parte delle forze di sicurezza rhodesiane poiché l'avevano classificata come” terrorista bianca” in quanto curava anche i feriti della guerra di liberazione. La struttura, con oltre 200 posti letto, serve una popolazione di circa un milione di abitanti, sparsi nel territorio del distretto rurale di Mutoko, Provincia Mashonaland East dello Zimbabwe, al confine col Mozambico.

Genealogia dell’intervento

Durante una recente visita a Trento del dott.  Carlo Spagnolli, medico chirurgo che presta la sua opera dal 1996 in Zimbabwe presso l’Ospedale Luisa Guidotti di Mutoko, con il  dott. Michele Conti, è stata rilevata la natura del problema e, vista la sua competenza specifica, è stata proposta una soluzione al problema, evidenziando che tale proposta potrà divenire un caso di “buona pratica” che consentirebbe di risolvere il problema di scarsità di servizi di questo tipo in un paese come lo Zimbabwe .

Operatività del progetto

Il progetto è strutturato in una sezione: chirurgia dell’ idrocefalo e mielomelingocele , rivolto ai chirurghi generali dello Zimbabwe, in particolare degli Ospedali Missionari.

Il progetto si articola in un periodo di formazione chirurgica diretto dal Dott. Michele Conti, Direttore di Struttura Complessa – Unità Operativa Neurochirurgia dell’Ospedale S. Maria del Carmine  di Rovereto.

Il corso sarà tenuto in lingua inglese.
La durata sarà di una settimana dal lunedì al giovedì con arrivo la domenica e partenza il venerdì.
Saranno invitati da parte dell’Ospedale “Luisa Guidotti” di Mutoko – Zimbabwe i chirurghi che parteciperanno al corso.
I pazienti saranno segnalati dalle cliniche del territorio ed inviati all’Ospedale “Luisa Guidotti” per l’intervento.
Il corso avrà una parte teorica ed una pratica per la tecnica chirurgica.
A fine corso verrà eseguito un test di apprendimento e rilasciato un attestato.

Dispositivi

Verranno utilizzati derivazioni tipo shunt modello SH202 Medium Pressure dell’ idrocefalo acquistate dalla ditta:

MANTHAN INC

3, Rani Building, 271, V. P. Road, Prarthna Samaj, Mumbai, Maharashtra, 400 004 India

Tel: 91-022-2389 3137

Fax:  91-022-2380 3254

Website: http://www.manthaninc.com

Tunnelizzatori un acciaio hakim mod 82-3056 della ditta:

Codman & Shurtleff, Inc.
325 Paramount Drive
Raynham, MA 02767
Tel: 508-880-8100
Fax: 508-880-8122

email: info@dpyus.jnj.com

Finalità del progetto

Il progetto si prefigge di formare i medici locali ad assistere con professionalità e competenza le fasce più deboli della società per un particolare tipo di chirurgia altamente invalidante e causa di problematiche sociali. Il programma di formazione sarà esteso ad un numero di medici più alto possibile e provenienti da tutte le regioni del Paese per assicurare la diagnosi e la cura di queste patologie in tutte le strutture ospedaliere dello Zimbabwe.

Promotori e partners locali

Provincia Autonoma di Trento
Assessorato alla Solidarietà Internazionale
Associazione Lifelines Dolomites
Ospedale “Luisa Guidotti” di Mutoko
Dr. Carlo Spagnolli, medico chirurgo presso l’Ospedale

COSTO DEL PROGETTO:

Spese viaggio aereo dr. Michele Conti………………………….€          2.600,00

Acquisto dispositivi chirurgici ………………………………………€          6.150,00                           

Spese doganali importazione dispositivi……………………….€              110,00

Spese logistiche in Zimbabwe per trasporto  medici e

pazienti presso l’Ospedale “Guidotti”………………………….  €           1.000,00

Spese vitto per n. 10 medici (30 € al gg x 5gg ) …….……….€          1.500,00

Spese vitto per n. 10 pazienti + familiari (20 € al gg x 8)  €           2.800,00

Diaria medici partecipanti al corso (30 € al gg x 5 gg)       €           1.500,00

Compenso anestesista esterno……………………………………..€              500,00

Spese vitto anestesista (30 € x 5 gg)………………………………€               150,00

        

TOTALE SPESE PROGETTO………………………………...€      16.310,00                     

 

print

News

Contatti

Lifeline Dolomites

Strada de la Veisc, 40
38036 Pozza di Fassa TN

Tel. +39 0462 764253
Fax +39 0462 764253

info@lifeline-dolomites.it

 

 Privacy Policy   

Informativa sui cookie

Lifeline Dolomites Onlus - Strada de la Veisc, 40 - 38036 Pozza di Fassa TN
Tel. +39 0462 764253 - Fax. +39 0462 764253 - Email: info@lifeline-dolomites.it
Copyright 2011 by LifeLine Dolomites - C.F. 02032240224