NEWS

PROGETTO "ADOZIONE DI STUDENTESSA DI MEDICINA"

Il Consiglio Direttivo della nostra Associazione ha accolto positivamente l’invito da parte della Suore della Congregazione delle Sisters Our Lady of Africa (S.O.L.A.)  di Chinhoyi (Zimbabwe) di sostenere gli studi di medicina di Suor Shyline  Maphosa,  giovane suora zimbabweana che ha il grande sogno di diventare medico per la propria gente.

Leggi il comunicato...


Concluso il primo triennio del Progetto VIAC (Diagnosi e terapia precoci del carcinoma cervicale dell’utero)

Attività realizzate:

Attivazione di quattro Corsi di Training di VIAC (Visual Inspection with Acetic Acid and Cervicograpy) presso il Chinhoyi Provincial Hospital. Il VIAC è la metodologia di intervento prevista per la Diagnosi e Terapia Precoce del Carcinoma del Collo dell’Utero dalla World Health Organization per i Paesi di scarse risorse economiche, adottata e prescritta dal Ministry of Health dello Zimbabwe.

Questi corsi di due settimane ciascuno hanno formato 76 tra General Medical Officers e Registered Nurses/Midwives inserite nei ruoli del servizio sanitario pubblico dello Zimbabwe.

Attività di cura e prevenzione della malattia presso 8 centri della Mashonaland West con la fornitura di attrezzature e di materiale sanitario necessario per la cura e prevenzione della patologia.

1.      Chinhoyi Government Provincial Hospital

2.      Kadoma Government General Hospital

3.      Karoi Government District Hospital

4.      Chegutu Government District Hospital

5.      Kariba Government District Hospital

6.      Banket Government District Hospital

7.      St.Rupert Meyer Mission Hospital, Makonde District

8.      Centro Missionario per la Salute e Promozione della Donna, Harare

Screening completo per 16.000 donne. Tutte hanno goduto di doppia registrazione sia su registro cartaceo che su computer con relativi nomi, telefono e indirizzo per eventuali convocazioni. Sono state ovviamente registrate in computer anche le rispettive Cervicografie.

Nel caso che le Donne siano VIAC Negative, si prescrive un ulteriore simile esame ogni tre anni.

Nelle Donne VIAC Positive (con diversi gradi di CIN 1,2,3) il controllo viene effettuato entro un anno, dopo aver adottato immediatamente le misure terapeutiche ambulatoriali previste, che sono l’escissione delle lesioni precancerose con Crioterapia e/o con Diatermia (LOOP Conization of Cervix).

Nelle Donne VIAC Positive e HIV-AIDS Positive il controllo viene effettuato dopo sei mesi e associato alla Terapia antiretrovirale specifica.

Oltre 300 donne sottoposte a terapia precoce sono state guarite dal rischio di evoluzione del carcinoma. 30 donne in cui è stato evidenziato un carcinoma cervicale sono state operate di isterectomia e in alcuni casi inviate per la radioterapia nell’ospedale della capitale.

Leggi il comunicato...


Importante donazione per l’Ospedale di Chinhoyi (Zimbabwe)

Recentemente l’Ospedale di Chinhoyi è stato dotato di una apparecchiatura TAC multistrato, che consentirà un deciso miglioramento delle prestazioni; per eseguire gli esami era però necessaria la disponibilità di una pompa per mezzi di contrasto iodati. La Casa di Cura S.Anna di Merano ha generosamente donato questa apparecchiatura, che giungerà in Zimbabwe nel corso del 2017. I pazienti zimbabwiani e Lifeline ringraziano di cuore!

Leggi il comunicato...


QUANDO IL DIVERSO SEI TU

Domenica 4 dicembre, alle prima di luci del mattino, quando si stavano per aprire i seggi del referendum costituzionale, ho fatto ritorno da un viaggio breve quanto intenso. Gli adesivi sulle valigie tutte cellofanate prima del lungo volo, e il logo su tutte le magliette gialle portavano un nome ben preciso: Lifeline Dolomites. Da adolescente alto atesino poco in contatto con le iniziative trentine, non avevo mai sentito nominare questa organizzazione. Con sede in Val di Fassa, la valle trentina tra le Dolomiti, Lifeline Dolomites è una Onlus che promuove iniziative di solidarietà nelle aree povere del Pianeta. Nata nel 2000 ricopre un ruolo fondamentale di appoggio a tutte le iniziative portate avanti dal Dottor Carlo Spagnolli, un medico molto noto da queste parti, che da più di 40 anni opera la sua missione umanitaria in Africa. Spagnolli è un uomo speciale, un intellettuale, un idealista vero che riesce a concretizzare iniziative davvero importanti di solidarietà e di cooperazione soprattutto nell’ambito della salute.

Leggi il comunicato...


PROGETTO SANITARIO POLISPECIALISTICO DI FORMAZIONE ED ATTIVITÀ CLINICA IN ZIMBABWE 2016-2017 - 2018

Il progetto triennale intende continuare ed implementare la precedente attività di formazione e conseguente attività clinica svolta negli anni scorsi relativa ai due progetti sanitari:

  1.  Progetto di diagnosi e terapia precoce del carcinoma del collo    uterino
  2.  Progetto cardiologia di emergenza

 iniziando  la formazione del personale sanitario zimbabwano, curando il mantenimento delle competenze nel tempo, assicurando l’attività clinica con nuove tecnologie in altre due specializzazioni sanitarie essenziali quali la chirurgia toracica e ginecologica  e  la radiologia, al fine di portare  una nuova speranza a centinaia di ammalati dello Zimbabwe che altrimenti, a causa della loro povertà e della carente  situazione sanitaria degli ospedali governativi,  non avrebbero la possibilità di farsi curare.  In considerazione degli ottimi risultati raggiunti dai due precedenti progetti, il Dr. Wenceslas Nyamayaro, direttore medico provinciale della Provincia Mashonaland West ed il Dr. Collet J. Mawire, direttore sanitario dell’Ospedale Provinciale di Chinhoyi, che copre tutta la Provincia  Mashonaland West dello Zimbabwe, si sono rivolti al Dr. Carlo Spagnolli, già responsabile sanitario dei precedenti progetti, al fine di ottenere la disponibilità di una ulteriore collaborazione per continuare  e implementare le varie attività cliniche  con l’apporto di nuove tecnologie. La nostra Associazione Lifeline Dolomites onlus, da sempre accanto al dr. Carlo Spagnolli, che da 40 anni svolge la sua attività medico-umanitaria a favore delle popolazioni bisognose africane, seguendo le indicazioni dello stesso dr. Spagnolli propone pertanto il presente progetto.

Collaborano a titolo gratuito e volontario con grande disponibilità i seguenti medici:

 il Dr. Roberto Bonmassari Direttore del Reparto di Cardiologia,

la Dott.ssa Prisca Zeni, Dirigente del Reparto di Cardiologia,

il  Dr. Giuseppe Tirone, Direttore del Reparto di Chirurgia  2

dell’Ospedale Santa Chiara di Trento

la Dott.ssa Bruna Zeni e il Dr. Dario Visconti, già Direttori rispettivamente del Reparto di Ostetricia e Ginecologia e Radiologia dell’Ospedale di Cavalese;

il Dr. Domenico Catanzariti, Dirigente del Reparto di Cardiologia dell’Ospedale  Santa Maria  del Carmine di Rovereto, Responsabile della Struttura semplice di “Cardiologia Invasiva”;

l’infermiera  Alberta Spagnolli e altro personale infermieristico e tecnico degli ospedali sopracitati.

Dal punto di vista sanitario la responsabilità del progetto verrà affidata al dr. Carlo Spagnolli, residente permanente in Zimbabwe dal 1996, che lavorerà assieme al dr. Wenceslas Nyamayaro, Direttore Medico Provinciale della Provincia Mashonaland West e al   Dr. Collet J. Mawire, Direttore Sanitario dell’Ospedale Provinciale di Chinhoyi. 

Leggi il comunicato...


News

Contatti

Lifeline Dolomites

Strada de la Veisc, 40
38036 Pozza di Fassa TN

Tel. +39 0462 764253
Fax +39 0462 764253

info@lifeline-dolomites.it

 

Informativa sui cookie

Lifeline Dolomites Onlus - Strada de la Veisc, 40 - 38036 Pozza di Fassa TN
Tel. +39 0462 764253 - Fax. +39 0462 764253 - Email: info@lifeline-dolomites.it
Copyright 2011 by LifeLine Dolomites - C.F. 02032240224